069949556 ladsrl@tiscali.it

I rossoblù s’impongono con autorità all’ex Fulgorcavi e prolungano la striscia positiva

LATINA: Caulo, Loseto (40’pt Crepaldi), De Lucia, Bono (1’st Franzolini), Panzavolta, Signorello (47’st Tibaldi), De Angelis, Beccaceci, Choutil, Formica, Di Vaio. A disp: Gallo, Prezioso, Marcucci. All. Vittorio Ciriello

LADISPOLI: Kalbarczyk, Roscioli, Di Filippo (34’st Buonanno), Gallitano, Quinti (47’st Larocca), Monici, De Marco (23’st Umiliaco), Mundo, Pallozzi Lavorante, Avolio (11’st Vagnarelli), Cence (7’st Mastrodonato). A disp: Loioli, Mastropietro, Camboni. All. Michele Micheli

ARBITRO: Falasconi di Aprilia

ASSISTENTI: Ciccarelli di Latina e My di Aprilia

MARCATORI: 33’pt Choutil (Lt); 46’pt Cence (Lad); 6’st Quinti (Lad); 46’st Pallozzi Lavorante (Lad)

NOTE: Spettatori 50 circa. Padroni di casa con soli diciassette giocatori a referto. Caulo (Lt) al 45’st para un calcio di rigore a Buonanno (Lad). Espulsi: Panzavolta (Lt) al 10’st, per somma di ammonizioni; Monici (Lad) al 12’st, per condotta violenta; Crepaldi (Lt) al 48’st ingiurie al giudice di gara. Ammoniti: Loseto, Signorello, Di Filippo, Mundo, Umiliaco. Angoli: 4-2. Recupero: 1’pt; 6’st

LATINA – Grande prova di cuore e di carattere dei ragazzi di Micheli che, con grande autorità nel secondo tempo, espugnano il non facile campo dell’ex Fulgorcavi di Latina. Il 3-1 finale premia la caparbietà dei rossoblù capaci di andare oltre l’espulsione di Monici ed il rigore sbagliato, conquistando tre punti davvero importanti contro un’ottima squadra ed una società importante come il Latina (fino a tre anni fa i pontini partecipavano al campionato Primavera con l’U19, ndr).

Pontini padroni di casa subito pericolosi all’8′ quando, sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da De Angelis, il pallone arriva a Beccaceci, il cui tiro a giro tuttavia non inquadra lo specchio e si spegne a fondo campo. Il goal che sblocca il punteggio arriva soltanto al 33′, sugli sviluppi di una palla inattiva: il tiro di De Angelis viene rimpallato dalla retroguardia tirrenica, ma la sfera resta pericolosamente all’interno dell’area di rigore ospite e diventa buona per Choutil, che di destro supera Kalbarczyk per il vantaggio dei nerazzurri. Padroni di casa fermati per fuorigioco al 38′, sul lancio di De Angelis per Formica (che necessiterebbe di moviole accurate e di Var), malgrado comunque l’azione si esaurisca comunque in un nulla di fatto. Buon per il Ladispoli, anche se il pallone sarebbe in ogni caso terminato a fondo campo. Il pericolo scampato “mette le ali” ad un Ladispoli comunque non meritevole dello svantaggio sin qui maturato: al tramonto della prima frazione arriva il pareggio: calcio piazzato di Di Filippo, Pallozzi prolunga verso il cuore dell’area piccola, dove Cence in scivolata anticipa Caulo, realizzando una rete tanto bella quanto preziosa per il morale della squadra di Micheli.

In apertura di ripresa, i tirrenici mettono la freccia ed operano il controsorpasso: fallo di mano di Signorello nel contrasto con Pallozzi Lavorante (ai limiti della concessione del calcio di rigore, vista la posizione dell’azione incriminata); Avolio tocca il pallone quanto basta a Quinti, per realizzare una rete davvero di pregevole fattura, che regala il 2-1 al Ladispoli (6′). Passano appena quattro minuti e la formazione di Ciriello resta in inferiorità numerica, per un’ingenuità di Panzavolta, che gli costa cara e che lascia i suoi compagni in dieci contro undici e sotto di una rete. L’arbitro di Aprilia ristabilisce però gli equilibri in campo due giri di lancette più tardi quando Falasconi decide di mandare anzitempo sotto la doccia anche Monici per una spinta ai danni di un avversario. Chiara occasione da rete o ultimo uomo?…forse più la prima interpretazione, visto che in linea erano tre i difensori davanti a Kalbarczyk, come si può vedere dalle immagini.

Anche se ridotte entrambe in dieci uomini, le due squadre continuano a battagliare in campo: il Latina prova a spingere, ma il Ladispoli si difende senza particolari affanni. In chiusura di partita i due episodi che chiudono la contesa. Al 44′ il neo entrato Crepaldi commette ostruzione in area ai danni di Mastrodonato e per l’arbitro non ci sono dubbi: è calcio di rigore. Dagli undici metri si porta Buonanno; palla angolata ma Caulo intuisce e mette in calcio d’angolo. Poco male per la squadra di Micheli, perchè in pieno recupero sugli sviluppi di una ripartenza letale in contropiede, Pallozzi Lavorante realizza il tris rossoblù che contribuisce a far scendere il sipario sul match del “Fulgorcavi”. Con questo successo (secondo consecutivo) la formazione di Micheli allunga a tre la striscia di risultati utili in questo 2019, con 7 punti conquistati sui 9 disponibili e risolleva la propria classifica, che ora può anche iniziare a diventare interessante, ma che al contempo non va guardata almeno fino ai primi di Marzo, per non rischiare di vanificare tutto il gran lavoro che il tecnico e questo gruppo sta facendo in questo momento. Complimenti ragazzi!