069949556 ladsrl@tiscali.it

Il maltempo ha avuto la meglio nel fine settimana appena trascorso. A Carbognano, infatti, non si è potuto giocare e quindi tutto da rifare per quanto concerne Flaminia e Ladispoli. Restiamo in attesa di capire quale sarà la data del recupero, anche se sicuramente il dato certo riguarda l’infrasettimanalità della partita.

Per quanto riguarda il resto delle partite in programma, la capolista Trastevere si fa bloccare sul pari in trasferta dal Monterosi di Oliva; i ragazzi di Mazza, pertanto, perdono momentaneamente la leadership in classifica, a vantaggio dell’Aprilia che sconfigge di misura l’Anagni a Tor San Lorenzo.  Rimane a stretto contatto con la vetta anche l’Sff Atletico: il 3-1 inflitto all’Anzio vale il nuovo aggancio al Trastevere, questa volta però in seconda posizione. Continua la propria scalata verso i playoff anche il Cassino, in virtù del 2-1 con il quale ha sconfitto il fanalino di coda Lupa Roma. Approfitta invece del turno di stop forzato della Flaminia, il Latina che sommerge di reti la Vis Artena all’Ex Fulgorcavi; il 7-1 finale è forse un punteggio fin troppo eccessivo per una compagine rossoverde che è reduce da sei sconfitte consecutive, con l’errore forse di aver allontanato il tecnico D’Anversa per dare quella scossa all’ambiente che invece non c’è stata, anzi. Il cambio in panchina non sembra aver risolto i problemi. Seconda vittoria consecutiva, in conclusione, per l’Albalonga. I Castellani dell’ultimo tecnico Campione d’Italia laziale (tutt’ora in carica), ovvero Roberto Coscia, confermano il feeling positivo con l’Anco Marzio di Ostia: esattamente come nella passata stagione, i bleus s’impongono sull’Ostia Mare con due reti di scarto (2-4 l’anno scorso; 0-2 in questo torneo). L’Albalonga riscatta parzialmente una stagione da dimenticare e prova a risalire verso la colonna di sinistra della graduatoria, nel giorno della commemorazione dell’ex calciatore di Anzio ed Ostia Mare (scuola T. T. Teste) Matteo Balistreri. Vittoria quindi dal duplice significato per il tecnico di Grottaferrata Roberto Coscia.