069949556 ladsrl@tiscali.it

LADISPOLI: A. Salvato, Cannizzo (40’st Mastrodonato), G. Salvato, Tollardo, Gallitano, Lisari, De Fato (37’st Di Grazia), Manoni (32’st Sganga), Cardella, Bertino (40’st Casavecchia), Zucchi. A disp: Travaglini, Antonangeli, Leone, Manzari, Di Curzio. All. Carlo Cotroneo

ANAGNI: Di Piero, Galvanio, Bordi (32’st Pappalardo), Colarieti, Pralini, Contucci, Gragnoli (17’st Capuano), Tataranno, Cardinali, Flamini, D’Orsi. A disp: Pennacchia, D’Amicis, Ancinelli, La Terra, Cellitti, Lustrissimi, Neccia. All. Antonio Pecoraro

ARBITRO: Zamagni di Cesena

ASSISTENTI: Regattieri di Finale Emilia e Spagnolo di Reggio Emilia

NOTE: Spettatori 300 circa. Cardella (L) al 28’st calcia alto un rigore. Ammoniti: Lisari, Bordi, Gragnoli, Gallitano, Cannizzo. Angoli: 2-3. Recupero: 2’pt; 5’st

LADISPOLI – In un clima tipicamente invernale, sotto un autentico nubifragio che ne ha certamente condizionato il regolare sviluppo della gara, peraltro importantissima in chiave classifica, con un vento ed un’acqua incredibili, il Ladispoli impatta a reti bianche nell’ultimo scontro diretto della stagione: al “Sale” è infatti 0-0 il finale contro l’Anagni. Ma si tratta di un pareggio preziosissimo, perché consente ai rossoblù di festeggiare la permanenza diretta in Serie D, visti i risultati che sono giunti dagli altri campi.

La prima occasione si materializza al 25′, con il cross dalla destra di De Fato per il colpo di testa di Zucchi nel cuore dell’area: palla alta di poco. Succede davvero poco altro in questa prima parte di gara: si va quindi al riposo sullo 0-0, mentre da Ostia giungono notizie importanti, con il Monterosi avanti 1-0 all’intervallo sui biancoviola di casa; se finisse così, il Ladispoli sarebbe salvo senza passare dai playout.

Al rientro dagli spogliatoi, dopo un intervallo più lungo del solito, la prima occasione è per gli ospiti: il sinistro da fuori di Bordi chiama Salvato alla deviazione in calcio d’angolo. Il Ladispoli avrebbe la ghiotta occasione di chiudere i conti con la salvezza al 26′, quando l’arbitro cesenate assegna il penalty ai rossoblù, per l’atterramento in area di Cardella da parte di Contucci. Dal dischetto, tuttavia, l’ex Boreale e Montecelio calcia oltre la traversa a Di Piero battuto; il punteggio resta dunque fermo sullo 0-0. Episodio dubbio in area ciociara dieci giri di lancette più tardi, quando Zucchi in contropiede viene fermato da Contucci e Di Piero in “sandwich”. L’arbitro però in questa circostanza lascia proseguire. I dubbi permangono. Il Ladispoli chiude in avanti: al 41′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Gallitano svetta più in alto di tutti, ma il pallone finisce a lato di poco.

E’ questa l’ultima emozione dell’incontro: dopo 5′ di recupero, l’arbitro fischia la fine; si può così scatenare la festa sul manto erboso dell’Angelo Sale: il Ladispoli giocherà nel massimo torneo dilettantistico, la quarta serie nazionale, anche il prossimo anno!!