069949556 ladsrl@tiscali.it

Torna “in campo” la nostra nuova rubrica, per mezzo della quale cerchiamo di scoprire i nostri avversari domenicali. Questa è la volta della Turris, formazione campana di Torre del Greco, che gioca le proprie gare interne al “Liguori” e che passa per essere un club dalle nobili tradizioni calcistiche. Scorrendo infatti la storia sportiva di questo club, si nota un passato decisamente glorioso, fatto di 30 stagioni trascorse nei tornei professionistici, divise fra le allora Serie C1 e C2, dagli anni ’70 fino all’inizio dell’attuale secolo (l’ultima apparizione risale, infatti, alla stagione 2000-2001). Dal campionato 2014-2015 i corallini partecipano regolarmente all’Interregionale, con l’ultima splendida annata chiusa alle spalle dell’imprendibile Bari, dominatore del girone I della passata edizione. L’inizio di questo torneo pone, senza dubbio, i campani in posizione favorevole per una possibile vittoria finale, grazie ai primi due successi in altrettanti match disputati: grande autorità nella prima trasferta, ovvero quella di Colleferro con l’Artena; decisamente agevolata (ma comunque tutt’altro che in discussione per qualità tecnica a livello di organico) la seconda, contro un Tor Sapienza dagli obiettivi totalmente differenti e rimasto, perdipiù, in inferiorità numerica. Una Turris che arriverà al “Sale” consapevole della propria forza mentale e tecnica e che proverà a strappare altri tre punti importantissimi per inseguire un traguardo che il popolo corallino attende con ansia da troppo tempo.

Dopo aver vissuto le emozioni di Avellino della passata stagione, i rossoblù sono chiamati ad un’altra sfida spettacolare contro una formazione proveniente dalla Campania e che, certamente, merita di essere solo di passaggio in Serie D.

 

 

Ufficio Stampa Ac. Ladispoli