069949556 ladsrl@tiscali.it

TRASTEVERE: Cataldo, Cautilli (19’st Istrate), Vitale, Papa, D’Orazio, Angelini, Belhassen (12’st Castaldo), Roncaccia, Sgherri (28’st Di Marco), Andrenacci (17’st Ciarniello), Prosperini (40’st Panissidi). A disp: Leone, Scognamiglio, Difazio, Filippone. All. Gianluca Pietrucci

LADISPOLI: Loioli, Squarcia, Saltalamacchia, Caleffi, Aracri (7’st Colace), Pierini, Anzuini (27’st Bracaglia), D’Aguanno (24’st Mazzone), De Mutiis (26’st Giovani), Cagnoni, Landi. A disp: Teodori, Troiani, Criscoli, Crostelli, Fauzia. All. Michele Micheli

ARBITRO: Nejad di Roma1

MARCATORI: 38’pt, 37’st Roncaccia (T); 33’st Cagnoni (L)

NOTE: Spettatori 150 circa. Cataldo (T) al 16’st respinge un calcio di rigore a Cagnoni (L). Espulso: Squarcia (L) al 17’st per fallo da chiara occasione da rete. Ammoniti: Papa, Caleffi, Angelini, Di Marco, Colace. Angoli: 4-4. Recupero: 2’pt; 5’st

ROMA – I 2002 di Micheli escono sconfitti dal confronto di Via Vitellia, zona Monteverde, contro il Trastevere. Ma il ko non ridimensiona un gruppo che ha saputo comunque raddrizzare anche questo match, come gran parte della stagione in corso. Un ko preventivabile questo, ma sul quale non bisogna soffermarsi troppo: mancano ancora quattro giornate, un poker di finali da giocare al massimo e da vincere per poter brindare alla fine di un campionato nato malissimo, ma che la grande forza di volontà di questi ragazzi ha permesso di ribaltare dal punto di vista morale e della classifica.

La prima emozione della sfida arriva al 15′, quando Prosperini, nel cuore dell’area tirrenica, vede e serve Andrenacci il cui sinistro però si stampa sul palo. Clamorosa occasione mancata dagli amaranto. Il secondo legno per i romani arriva quattro giri di lancette più tardi, questa volta sugli sviluppi di un tentativo in prima persona da parte del bravo esterno offensivo dei padroni di casa; Loioli battuto ma per fortuna il Ladispoli si salva ancora una volta. La risposta del Ladispoli si materializza nella forte conclusione da fuori ad opera di Cagnoni, sulla quale è molto bravo Cataldo nella respinta in corner (23′). Il punteggio si sblocca proprio ad un passo dal gong: il solito Andrenacci mette al centro un pallone prezioso per Sgherri che calcia di prima intenzione, trovando però la prontissima risposta di Loioli; l’estremo difensore rossoblù respinge il pallone che diventa così buono per la conclusione del capitano amaranto Roncaccia, abile nel ribadire in rete per il vantaggio trasteverino. Peccato, perché fino a questo momento il Ladispoli aveva giocato alla pari con la formazione di casa, rischiando in qualche circostanza ma nulla più.

Si va così alla ripresa: l’episodio più importante si concretizza al 9′, quando la dirigenza rossoblù chiede a gran voce l’assegnazione di un calcio di rigore per il fallo di mano di Papa, sul calcio piazzato battuto da Cagnoni. L’arbitro sorvola sull’accaduto e lascia proseguire. Lo stesso fantasista tirrenico ci riprova qualche secondo più tardi, ma stavolta è Cataldo ad opporsi egregiamente in calcio d’angolo (11′). Quattro minuti più tardi, Cautilli commette fallo ai danni di Cagnoni e anche questa volta Nejad di Roma1 si dimostra irremovibile, assegnando il penalty al Ladispoli. Dagli undici metri si porta lo stesso calciatore n°10 che però si fa respingere la conclusione dal bravo estremo difensore amaranto, festeggiato dai propri compagni per la prodezza appena compiuta al 16′. La partita cambia volto un minuto più tardi, quando Squarcia viene invitato ad accomodarsi sotto la doccia anticipata, in seguito all’ostruzione ai danni del neo entrato Castaldo. Il difensore eroe della trasferta all’Alberini con il Tor Sapienza tira la maglia dell’attaccante avversario lanciato a rete e quindi corretta l’applicazione del regolamento da parte del giovane fischietto di Roma1. Non sarebbe stato ultimo uomo, perchè nelle vicinanze si trovava anche Saltalamacchia. Comunque un duro colpo per i ragazzi di Micheli, già sotto di una rete e per il resto del match anche in inferiorità numerica. Prosperini sfiora il raddoppio al 22′, con una forte conclusione da fuori, che si spegne di pochissimo a lato, malgrado Loioli fosse sulla traiettoria. Il Ladispoli ha però il merito non abbattersi e di credere al pareggio: al 33′ sugli sviluppi di un calcio di punizione, tutti gli sforzi dei ragazzi di Micheli vengono ripagati con la magistrale esecuzione della palla inattiva da parte dello specialista Cagnoni, che firma così il goal dell’1-1 tirrenico. Purtroppo, però, la gioia per il pareggio ritrovato dura appena quattro giri di lancette, visto che al 37′ è ancora Roncaccia a riportare avanti il Trastevere, bruciando Loioli in uscita su assist di Castaldo E’ il goal-partita, visto che non accade più nulla ed al Ladispoli non bastano neanche i cinque minuti di extra-time per provare a riequilibrare definitivamente il risultato.

Domenica prossima comincia un mini campionato fatto di quattro gare (Civitavecchia, Ostia Mare e Pro Roma al Sale; Atletico 2000 fuori) nelle quali non si dovrà essere belli, ma solo estremamente e tremendamente concreti ed efficaci: la salvezza passa anche e soprattutto da prestazioni come quella odierna, dove a voltare le spalle è stato solo il risultato. Forza ragazzi!!